Il Documento Base

L’industria del turismo ha la necessità di sviluppare nuovi strumenti per prevenire il danno socio-ambientale in corso ed è consapevole di non poter raggiungere questi scopi senza l’aiuto di tutti gli attori che compongono questo complesso sistema, inclusi i clienti e, ovviamente, i gestori di strutture.

Per incrementare e mettere in pratica questi strumenti nelle loro operazioni, e per incoraggiare altri a fare lo stesso abbiamo deciso con uno sforzo non indifferente sotto il profilo del tempo – del miglioramento – della sistematicità e del costo, ad allestire la documentazione per richiedere il Marchio Ecolabel Europeo, ottenendolo dopo circa 8 mesi di preparazione.

Il 23 luglio 2008 ci è stato comunicato che il Comitato Ecola bel – Ecoaudit di Roma ha il riconosciuto positivamente il Marchio comunitario di qualità ecologico per il “Servizio di ricettività turistica”.

Nel rispetto della decisione della Commisione europea n° 2000/728/CE e delle relative procedure di assegnazione del Marchio esse possono consultarsi sul sito ufficiale www.apat.gav.it7certificazioni/site/it-IT/ecolabel

L’ambiente siamo noi : rispettiamoci con il rispetto di alcuni piccoli criteri.

1)Risparmiare Energia

Anche in vacanza si può contribuire a salvare il pianeta dall’effetto serra. Spegnere le luci, condizionatori ed altri “mangiatori” d’energia prima di lasciare la camera può essere il nostro personale contributo. Accostare le tende, quando si lascia la camera mantiene la camera più fresca e diminuisce il fabbisogno di aria condizionata e quindi anche d’energia impiegata. Un attento e responsabile utilizzo dell’energia significa un minor consumo di combustibili tossici e meno emissioni inquinanti nell’atmosfera.

2) Ridurre i rifiuti

I rifiuti inquinano e devono essere smaltiti. Questo può diventare un problema in alcune destinazioni con elevato numero di turisti, essendo la produzione di rifiuti proporzionalmente elevata. Nella nostra struttura trovi una piccola isola ecologica in cui puoi smaltire tutti i tipi di rifiuti.

3) Risparmiare acqua

L’acqua in molti luoghi è un bene scarso e prezioso, ovunque è una risosrsa di vita fondamentale. Un bagno, invece di una doccia, consuma la tripla quantità d’acqua : tenere il rubinetto aperto durante il lavaggio dei denti comporta un consumo di 20 litri d’acqua. Noi abbiamo installato appositi diffusori d’acqua che ne riducono il consumo senza ridurne l’efficacia. L’utilizzo abbondante di shampoo e detersivi, i mozziconi e altri rifiuti gettati nel wc come anche l’utilizzo esagerato di olii, gravano su acqua e sull’acqua che è poi da depurare.

4) Ridurre l’uso delle auto: utilizziamo di più la bicicletta! Se vuoi noi Ti prestiamo le biciclette per i Tuoi spostamenti.

5) Il cambio flessibile degli asciugamani e lenzuola

Quante volte abbiamo incontrato cartelli colorati che ci incoraggiavano, in nome dell’ambiente, a non cambiare gli asciugamani tutti i giorni?

Sono ormai così consueti che corriamo il rischio di ignorarli quando, invece, sono una gran occasione per esprimere una propria posizione e dare un contributo al risparmio dell’energia utilizzata nel lavarli, asciugarli e stirarli.